Cosa sono i Fiori di Bach?

I fiori di Bach vengono impiegati come rimedi per curare non tanto una malattia o un disturbo, ma il paziente e il suo “atteggiamento negativo”. Infatti, il metodo di guarigione dell’omeopata inglese Edward Bach utilizza le forze naturali di alcune varietà di fiori selvatici per modificare gli stati mentali negativi, poiché “La malattia è la concretizzazione di un atteggiamento mentale“.

Di conseguenza, modificando quest’ultimo, non è più presente la causa base della malattia e il paziente torna ad ascoltare il proprio intuito e seguire un istinto positivo.

Quali sono e Quanti sono i Fiori di Bach?

I fiori individuati da Bach e da esso utilizzati per scopi curativi sono ben 39 e appartengono a diversi generi e specie.

Fiori di Bach: quando sono indicati

Grazie ai fiori di Bach, è possibile:

aiutare in situazioni momentanee (per esempio, dopo uno shock di moderata portata);

sostenere di fronte a piccole difficoltà previste (come superare un esame); migliorare, con l’aiuto di altri rimedi, situazioni mentali comuni (insonnia, stati ansiosi, stress, astenia ecc.);

aumentare l’efficacia di altre terapie, anche allopatiche, per la soluzione di disturbi e problemi comuni (disfunzioni mestruali, problemi ormonali negli adolescenti o in menopausa, allergie, fobie, palpitazioni, dipendenze, ecc.);

sostenere in particolari fasi della vita (subito dopo il parto, durante la vecchiaia, nel corso di crisi adolescenziali, durante lo svezzamento ecc.), quando intravede una situazione non completamente serena.

Vuoi avere maggiori informazioni? Chiedimi una consulenza per conoscere la giusta combinazione di Fiori di Bach adatta alle tue esigenze